Arte, l’artista atriana Roberta Di Maurizio da domani nella mostra itinerante di Teramo

Prende il via domani nella centralissima città di Teramo, a partire dalle ore 10.30,  il viaggio a colori tra passione e realtà che vedrà gli  artisti condurre il loro atto creativo tra la gente, nelle piazze, e nelle vie limitrofe ai loro luoghi natii. Tra questi la pittrice della frazione di Casoli di Atri, l’autodidatta Roberta Di Maurizio che renderà le sue opere protagoniste di una sfilata lungo il centro di Teramo. L’obiettivo dell’esposizione è proprio quello di creare un contatto diretto con i passanti e l’impatto cromatico. I dipinti saranno trasportati da una serie di persone anonime che nel corso della mattinata, in particolare nel momento del mercato cittadino,  consentiranno a tutti i presenti di entrare incondizionatamente nel dinamismo del colore, attraverso un’invito collettivo e sovraumano, dove per la prima volta  l’impronta ancestrale della nascita cromatica abbandona ogni canone accademico, fungendosi dialogica e partecipativa per esplorare l’identità animica e l’espansione interiore nella sua massima ampiezza.
L’artista atriana, Roberta Di  Maurizio,  grazie all’ enorme maestria con la quale  riesce a creare nei fruitori un senso vulcanico di partecipazione attiva e di condivisione plateale, poiché la comunicazione sovrasta ogni possibile tecnicismo dove è la voce del cuore a tramutare assieme alla totalità esistenziale, sotto forma di denuncia, di indagine con un sotteso tassello psicoanalitico. Un cammino a colori, pertanto, rivoluzionario e consistente, sinfonico nella forma, incisivo nella materia, che avvalora sempre più l’autenticità relazionale, verso il prossimo e verso la comprensione degli altri. Un viaggio dunque, nella metafora più intima del termine che può accorpare incontri e scontri, sconfitte e vittorie,  un orizzonte di intemperie e maree che trovano il giusto approdo nella consapevolezza pensante, una custodia indissolubile  di nascite e rinascite, rivelatrici di indiscutibili tumulti, che come alveoli radicati contribuiscono al sospiro dell’Arte. L’iniziativa voluta fortemente dal Presidente dell’Associazione Culturale Liberementi, Enzo Delle Monache, che con una miscela di idee lungimiranti, in qualità di direttore artistico, testimonia la volontà di attribuire all’essenza cromatica un emblema profondo e dinamico che si riversa nel movimento dei colori tra le persone. Dopo un estenuante periodo pandemico, la sfida ingente che intende attuare Delle Monache è proprio una potente risignificazione socio-culturale in una serie di mostre itineranti, le quali permettono agli artisti di condurre il loro atto creativo tra la gente, nelle piazze, e nelle vie limitrofe .

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: