Il concerto del 22 luglio prossimo è l’omaggio estivo che la Città di Atri tributa al grande compositore di Atessa Antonio Di Jorio (1890-1981), il cui archivio musicale ha sede dal 1996 nel suo Teatro Comunale, degno locus per una raccolta musicale d’arte di notevole valore.

L’ultimo Cd pubblicato dall’Archivio Di Jorio raccoglie otto quintetti per fiati che il Maestro Concezio Leonzi, direttore dell’Archivio, ha composto, elaborando le partiture di vari canti abruzzesi di Antonio Di Jorio, volendo in tal modo focalizzare l’attenzione dell’ascoltatore verso la bellezza assoluta della musica, privandola, per questo esperimento che non ha mancato di suscitare un certo interesse tra gli studiosi, del testo poetico. Di Jorio senza parole, appunto, come il titolo del Cd, il nono della collana discografica dell’Archivio.

Il prestigioso quintetto “I Solisti d’Abruzzo” eseguirà quattro degli otto quintetti pubblicati, per dare spazio, nella seconda parte, al Coro Di Jorio che, naturalmente, presenterà una silloge di canti dijoriani, armonizzati dal suo direttore.

In entrambe le versioni, con o senza parole, il pubblico riconoscerà sin dalle prime note le tenere ninne nanne, le famose barcarole, i motivi scherzosi e gli immancabili saltarelli che Di Jorio compose per esaltare i colori e il tipico pathos della terra d’Abruzzo, avvinto ai suoi costumi tradizionali, antichi, aviti, alla geografia inconfondibile dei luoghi, che rendono suggestivo e unico il suo struggente paesaggio.

I SOLISTI D’ABRUZZO

Marco Felicioni  flauto, Antonio Verdone,  oboe Luciano Vittorio Di Bernardo clarinetto Antonio Russo corno Alfonso Patriarca fagotto

CORO “ANTONIO DI JORIO” di Atri

dir. Concezio Leonzi

 

 

Organizzazione: Archivio Di Jorio, Coro Di Jorio di Atri, Comune di Atri

Annunci