Risparmio,in crescita libretti e buoni postali in Abruzzo. Al primo posto la provincia di Chieti

Risparmio,in crescita libretti e buoni postali in Abruzzo. Al primo posto la provincia di Chieti

Libretti di Risparmio e Buoni Fruttiferi Postali si confermano tra le forme di risparmio più amate dai cittadini abruzzesi.

In tutta la regione risultano attivi 992mila libretti di risparmio e sottoscritti 1 milione e 281mila buoni fruttiferi postali. In media, ogni quattro abitanti ci sono tre libretti di risparmio e più di un buono fruttifero. Una statistica che conferma l’Abruzzo ai primi posti in Italia nel rapporto tra abitanti e i due prodotti del risparmio postale.

A livello provinciale, il rapporto è particolarmente significativo nelle province di Chieti e L’Aquila. Nel Chietino, su una popolazione di 375mila abitanti sono attivi 303mila libretti (81%) e sottoscritti 610mila buoni postali (162%). Nell’Aquilano, per i circa 291mila residenti sono attivi 243mila libretti (84%) e sottoscritti 441mila buoni postali (152%). Nel Pescarese, per i circa 314mila residenti sono attivi 239mila libretti (76%) e sottoscritti 352mila buoni postali (112%). Nel Teramano, su una popolazione di 301mila abitanti, ci sono 208mila libretti (69%) e 328mila buoni postali (109%).

Numeri che confermano l’importanza di questi prodotti nelle scelte di risparmio degli italiani: in totale sono circa 31 milioni i Libretti Postali e circa 48 milioni i Buoni Fruttiferi Postali sottoscritti nel Paese.

Il risparmio postale grazie alle sue caratteristiche si conferma uno strumento sicuro, poiché garantito dallo Stato Italiano e flessibile, in quanto gestibile anche attraverso il sito http://www.poste.it o tramite l’App BancoPosta a conferma dell’importanza dello sviluppo dei canali digitali per l’Azienda guidata dall’AD Matteo Del Fante.

Poste Italiane ricorda che tutti i possessori di un Libretto Postale Smart possono accedere direttamente online all’offerta SuperSmart 180 giorni, che permette di ottenere un tasso di interesse più elevato sulle somme accantonate al momento della scadenza.

Oltre al classico Buono Fruttifero Ordinario, che ha durata massima 20 anni, consigliato per chi vuole investire i propri risparmi, con tassi di interesse fissi e crescenti nel tempo senza costi di sottoscrizione o di rimborso, per chi volesse un investimento più breve, è disponibile il Buono 4×4. Anche in questo caso con interessi fissi e crescenti nel tempo che però maturano ogni quadriennio, con possibilità di rimborso dopo 4, 8 o 12 anni.

In alternativa è disponibile il Buono 3×4, anche in questo caso con interessi fissi e crescenti nel tempo che però maturano ogni triennio, con possibilità di rimborso dopo 3, 6 o 9 anni.

Infine, dedicato a chi vuole un rendimento nel lungo periodo, è disponibile il Buono 5×5, che ha una durata fino a 25 anni con un rendimento fisso crescente, con la possibilità di richiedere il rimborso in qualsiasi momento e, dopo 5,10,15 e 20 anni prevede il riconoscimento degli interessi maturati.

Libretti di Risparmio e Buoni Fruttiferi Postali sono prodotti garantiti dallo Stato Italiano e sono esenti da costi, salvo gli oneri fiscali; i buoni sono, inoltre, esenti da imposta di successione e soggetti ad una tassazione agevolata del 12,50% sugli interessi.

Marino Spada

Direttore Responsabile e Fondatore del Giornale " la Voce del Cerrano"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: