Discarica Santa Lucia, l’assessore Centorame: proseguirò la battaglia per una causa giusta

“E’ una battaglia che perseguirò come cittadina prima ancora che in veste di assessore all’ambiente o come semplice consigliera comunale per un principio di giustizia”. Poche parole ma pungenti quelle dell’assessore all’ambiente del Comune di Atri, Mimma Centorame, dopo la pubblicazione della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale che ha accolto, in data 21 Ottobre scorso, in seduta collegiale, il ricorso avanzato dalla ex commissaria del Consorzio Piomba Fino, Laura D’Alessandro. La ricorrente, nominata grazie al provvedimento della giunta guidata a suo tempo da Luciano D’Alfonso, con incarico di commissario straordinario per sei mesi, e alla guida dell’Ente da ben quattro anni, si era opposta al Decreto del Presidente della Giunta Marco Marsilio, emesso in data 25 Agosto 2020, con il quale veniva nominato, al suo posto, Nico Carusi, vicino politicamente alla Lega. In un primo momento, i giudici amministrativi del Capoluogo abruzzese, avevano concesso la sospensiva, lasciando l’architetto di vasto in sella, in attesa della decisione che era stata fissata per il 21 Ottobre. Data in cui i magistrati hanno accolto il ricorso con le seguenti motivazioni: “considerato, ad un primo sommario esame, che la designazione del nuovo commissario straordinario appare, in effetti, derogare alla Deliberazione della Giunta della Regione Abruzzo n. 804/2016 richiamata nel gravato provvedimento, che prescrive di scegliere, a tal fine, fra i dirigenti e funzionari regionali, di enti e di società partecipate dalla Regione Abruzzo in servizio al momento del conferimento della nomina, ovvero di attingere ad un elenco di nominativi approvato con determinazione n. DPC/026/57, del 15.10.2015, successivamente aggiornato, del quale incontestatamente il nuovo commissario non fa parte; ritenuto che non appaiono prima facie rinvenibili nel provvedimento gravato le motivazioni per le quali si è inteso derogare a tale espresso autovincolo; ritenuto di compensare le spese della fase cautelare;

Il Tribunale Amministrativo Regionale per l’Abruzzo (Sezione Prima), accoglie la domanda cautelare e, per l’effetto,- sospende il provvedimento impugnato”   In buona sostanza il Tar sostiene che il nominativo del commissario doveva essere attinto da un elenco speciale, per giunta deliberato dalla Regione, ma gli uffici, secondo la sentenza, avrebbero agito con superficialità, omettendo tale ricorso al registro dei professionisti del settore. Dal canto suo Mimma Centorame non butta la spugna e , in attesa della decisione nel merito, fissata per il 10 Febbraio 2021, ha sentito alcuni riferimenti in Regione, tra cui il neo capogruppo della Lega, Emiliano Di Matteo, il quale, in più occasioni si era speso per la rimozione della d’Alessandro dall’incarico. Una partita ancora aperta, specie dal punto di vista politico, sulla quale, si gioca la credibilità di chi ha detto di essere contrario all’ampliamento della discarica di Santa Lucia, e che ora dovrà dimostrarlo con i fatti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: