Diario della speranza. Le vostre lettere

Ogni cosa ha il suo tempo…adesso è il tempo di pregare, di fare silenzio, di riflettere, di fare la propria parte. È il tempo in cui ognuno può apportare il suo aiuto, ognuno può essere un piccolissimo strumento per costruire una soluzione. Adesso è il tempo di ripartire dall’uomo, dall’umanita’, dalla “pietas”, dalla capacità di
condividere e mettersi in comunione con l’altro. È il tempo di ricordare e riaffermare le origini, le origini di quella compassione, cioè del sentire comune, che abbiamo soffocato, dimenticato, deriso, offeso. Tutto parte dal senso di umanità…tutti gli errori, gli orrori, o anche tutto ciò che sempre, prontamente, critichiamo, distruggiamo, da qualunque parte arrivi, solo per il gusto di ostentare, o solo per noia, per mancanza di buon senso, equilibrio, umiltà, hanno imprigionato il mondo in un vortice che non ha fine…la stretta di mano, la parola data, il fine comune, il bene collettivo appartengono ad una vecchia generazione, che pur con limiti e sbagli, non li ha mai traditi. Ci siamo illusi di portarci dentro quei valori ma in realtà non li abbiamo onorati perché abbiamo perso la cosa più importante: l’umanità…l’auspicio del cambiamento di cui tutti abbiamo fatto uno slogan pseudo-moderno è adesso…la vera opportunità di cambiamento è adesso, ma forse non ne siamo ancora degni, fatichiamo ancora a comprendere…io però ci credo e questa
opportunità non voglio sprecarla…non voglio sprecare nulla, nemmeno il silenzio e la comprensione che questo sia veramente un tempo nuovo

Questo pensiero mi ha portato alla mente dei ricordi legati alla mia fanciullezza e alla mia amatissima Fontanelle per cui ho scritto questa breve poesia.

Fundanelle

Aguarde a lu mare

Aguarde a la muntagne

So’ na perla mezz’a la campagna.

Tinghe vicine na torre che sembre nu castelle

j’ me chiame Fundanelle.

Pe lu cafè de la matine tenije da j’ da Massimine

S’arrevije ju sott’a la curve de Pitre, truvije pure la cantine

‘Llà de fronte, ‘llà vicine ce steve la butteghe de Annine

A ‘ffianche a esse ‘ncime a li scaline Don Diomede aspitteve pe la lettêrine

A lu stradone, diceje li vicchije,

‘nge se po j’ de notte che cacchedune ve dà li botte

Se sentije da candà luntane ere secure Mastre Caddane

Se camminije ‘cchiù ‘ssù a lu Cunsorzje truvije Tijucce ‘nghe lu camjie rosce

A li piane, invece, ce steve poche e quande ce se jeje ere nu joche.

Chiarine steve a cape e Giuseppine prime de lu ponte ere pruprie n’andru monne.

Curdijale accogliente e ‘bbelle queste è la ‘ggente de Fundanelle

C’ha simbre state e ce continue a essere e se nen ci cunusce po’ essere nu stresse

Pecchè nu ce vuleme ‘bbene e pure se tutte li jurne ‘nge vedeme, se une chiame l’addre asponne,

se ce sta besugne è tutte nu corre.

Sole, a ‘unite, non conte come, conte che se ce sta nu prubleme seme une sole.

E soprattutte, pe ce ‘nnè sapesse, pe ‘nnù, vicchije e bardisce sta simbre in prima liste

Se une soffre, l’addre le sente e se pure seme nu ‘ccunucce strane a lu besugne seme una sola mane

Ma queste pe ce a Fundanelle c’ha crisciute o pe ce ha menute e s’annammurate !

Senza la vita, l’amore e lu rispette pù essere di ecche oppure de fore t’amanchesse simbre la cosa ‘cchiù ‘bbelle pe essere davvere de Fundanelle.

Angela De Lauretis

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: