Atri nasce la Scuola Civica delle Arti. Modificato lo statuto della Scuola Civica Claudio Acquaviva

Il Consiglio Comunale di Atri ha approvato il nuovo statuto della Scuola Civica Claudio Acquaviva arricchendone le finalità e gli obiettivi con lo scopo di diffondere le varie espressioni della cultura, dello sport e dell’arte in particolare musicale, teatrale, arte figurativa e assimilate, attraverso l’organizzazione di corsi finalizzati a una crescita armoniosa dell’individuo. Nasce quindi la Scuola Civica delle Arti con l’obiettivo di coltivare i talenti degli allievi iscritti alle Scuole Superiori di Atri. Hanno votato a favore della modifica tutti i componenti della maggioranza e i consiglieri di minoranza Ugo Giuliani, Alfonso Prosperi e Cinzia Di Luzio.

 

La Scuola Civica si occuperà anche di organizzare corsi di approfondimento dei temi affrontati nei programmi curriculari della scuola secondaria superiore e non solo. Realizzerà – d’intesa o in partenariato con enti pubblici o privati, università, associazioni, fondazioni, aziende private italiane e straniere, soggetti che a qualsiasi titolo si occupino di formazione aggiornamento e orientamento professionale – corsi per l’organizzazione di attività di formazione professionale, culturale, di alta formazione, di giornalismo, attività didattiche e di ricerca, seminari, incontri e convegni. Tra le altre cose sono previsti percorsi informativi e formativi in favore di scolaresche di ogni ordine e grado, progetti di pre e post-scuola, scambi giovanili in partenariato con altri organismi europei ed extra europei; viaggi di istruzione e percorsi didattico-culturali. Le attività promosse dalla Scuola Civica, di qualsiasi natura, possono essere aperte anche a studenti non frequentanti le scuole superiori di Atri, previo pagamento di una quota di iscrizione che sarà fissata dal CdA per la loro fruizione.

 “La Scuola Civica Claudio Acquaviva – commenta il Sindaco di Atri, Piergiorgio Ferretti è nata nel 2010 con la finalità di promuovere, valorizzare e formare le eccellenze. L’accesso alle attività dell’Istituzione era consentita solo agli allievi che superavano la prescritta prova di ammissione aperta a tutti gli allievi che, all’atto della prova, frequentano la terza media. Con la modifica del 26 febbraio 2020 la Scuola Civica accresce le sue finalità con lo scopo di coltivare i talenti degli allievi iscritti alle Scuole Superiori di Atri”.

 

“La Scuola Civica delle Arti – aggiunge l’Assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura del Comune di Atri, Domenico Felicione, – porterà avanti azioni culturali e educative operando nell’ambito della formazione e dell’istruzione nei settori della recitazione, dalla musica e delle varie espressioni artistiche. Il nostro Comune metterà a disposizione spazi prestigiosi come l’ottocentesco Teatro Comunale o l’Auditorium Sant’Agostino per svolgere le varie attività. Siamo certi che con questo nuovo statuto sarà possibile raggiungere risultati ancora più importanti a tutto vantaggio della cultura degli studenti e della nostra comunità”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: