Pineto, molta paura al Parco della Pace per la caduta di un pino. Il M5S: assoluta mancanza di attenzione al verde pubblico

Questa mattina presso il Parco della Pace di Pineto si è verificata la caduta di un pino, e solo per una circostanza molto fortunata il brutto episodio non si è trasformato in tragedia. In quel momento infatti non vi era la presenza di persone nel parco, molto frequentato in estate, specialmente da bambini.

Lungi da noi di voler speculare politicamente sul gravissimo episodio, ma questo non ci esime dal rimarcare ancora una volta l’assoluta mancanza di cura del verde pubblico da parte dell’amministrazione in carica, alla quale chiediamo, in primis, di valutare con assoluta urgenza se non sia il caso di interdire l’accesso ai parchi pubblici, quantomeno di quei parchi per i quali i tecnici comunali dovessero sospettare la presenza di piante potenzialmente pericolati (a proposito, ma non era stato già commissionato ed eseguito uno studio sullo stato degli alberi insistenti su aree di pertinenza del comune?), in secundis, e con forza, che siano prese in serissima considerazione le proposte contenute nel nostro programma elettorale sul tema, e cioè:

  1. a) Messa in pianta organica di un tecnico agronomo qualificato per la manutenzione del verde;
  2. b) Inserimento di capitolo di bilancio congruo e idoneo per la gestione del verde;
  3. c) Richiesta, presso i centri per l’impiego, di personale formato per la manutenzione del verde grazie al Reddito di Cittadinanza;
  4. d) Reperimento di fondi UE per la realizzazione dei progetti volti alla manutenzione del verde;
  5. e) Gestione, manutenzione straordinaria e ordinaria;
  6. f) Rescissione del contratto con il Park Adventure per cambio di gestione. Valutazione realizzazione impianti sportivi, rappresentazioni teatrali e aree pic-nic e soprattutto riqualificazione dell’ingresso al Parco. L’istituzione dello stesso ha disaffezionato la cittadinanza all’uso del parco;
  7. g) Progettare la terminazione del terzo livello del parco Filiani;
  8. h) Acquisizione e restauro della pineta di Caccianini sulla strada per Mutignano;
  9. i) Messa in sicurezza della pineta Catucci dall’erosione marina che potrebbe portare alla moria delle piante presenti;
  10. j) Piano di sostituzione dei pini dislocati lungo le strade che causano rotture del manto e dei marciapiedi, creando pericolo alla viabilità di veicoli e pedoni.

Un esempio di cattiva gestione del verde si è perpetrato negli ultimi anni a Mutignano (nonostante la presenza di un assessore, e questo a testimonianza del fatto che non è la presenza o meno di un assessore di quartiere a fare la differenza) dove in via Madonna, a causa della cattiva potatura che veniva eseguita scapitozzando gli alberi (proprio per la mancanza di tecnici specializzati nella potatura), gli stessi si sono ammalati e hanno dovuto essere abbattuti e in secondo tempo, proprio a ridosso delle ultime elezioni (che coincidenza nevvero?), sostituite con altri alberi che a differenza di quelli abbattuti non producono fogliame e quindi il viale prima ombreggiato risulta essere ora completamente esposto al sole con grave detrimento per gli abitanti di Mutignano che non possono più fruire del refrigerio garantito dalle piante.

Alla luce di quanto sopra, e in considerazione del fatto che la dea bendata, in questa occasione, ci ha evitato una potenziale tragedia, attendiamo delle risposte immediate da parte del sindaco e dell’assessore competente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: