Atri, critiche dall’opposizione alla Giunta Ferretti sull’aumento della Tari. ” Senza contributi della Regione tassa più salata”

Fanno quadrato sull’aumento della tassa della Tari le forze politiche dell’opposizione al Palazzo Acquaviva, contrari al provvedimento adottato dall’Amministrazione Comunale nel corso della seduta dello scorso 28 Marzo 2019. In una nota congiunta, contestando aspramente la decisione presa dalla maggioranza scrivono ” nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, tenutosi lo scorso 28 marzo, le forze di opposizione hanno espresso voto contrario all’approvazione delle tariffe TARI per il 2019 perché ancora una volta invece di adottare politiche attive per ridurre la produzione dei rifiuti l’Amministrazione ha preferito mettere le mani in tasca ai cittadini. “

Il Sindaco Ferretti- continua il comunicato delle forze di opposizione- ha dichiarato un incremento del 4% delle tariffe rispetto all’anno precedente; in realtà, nonostante il servizio di raccolta differenziata sia stato esteso anche ad altre aree del territorio comunale, l’aumento dei costi risulterebbe addirittura superiore se non fosse stato calmierato dai contributi ottenuti dal Miur ( Ministero dell’Istruzione e dell’Università)  e dalla Regione Abruzzo per un totale di oltre 113mila euro.

Contributi che hanno contenuto in maniera significativa i costi totali ed inciso sul conseguente aumento della TARI, riducendolo in maniera proporzionale: i dati relativi al piano finanziario prevedano un aumento medio della tariffa fissa nell’ordine del 9,43 per cento e della tariffa media nell’ordine del 4,92 per cento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: