Atri, l’ex distretto sanitario di via Finocchi cade a pezzi. Calcinacci e pareti lesionate un vero pericolo per studenti e residenti della zona

Atri, l’ex distretto sanitario di via Finocchi cade a pezzi. Calcinacci e pareti lesionate un vero pericolo per studenti e residenti della zona

Versa in una condizione di totale degrado, con i calcinacci a terra e parte delle pareti lesionate l’ex sede del distretto sanitario della Asl di Teramo sito in via Antonio Finocchi a due passi dal polo liceale Illuminati e dalla scuola media Mambelli.  Un vero e proprio mostro con pericoli quotidiani per i tanti studenti e insegnati che vi transitano nell’ora d’ingresso e di uscita dalle scuole. L’edificio, al cui interno si scorgono mobili abbandonati, sporcizia e infissi lesionati, dopo il trasferimento degli uffici nella nuova palazzina antistante l’ospedale San Liberatore, è in totale abbandono e non si conosce, allo stato attuale, quale intenzione abbia la direzione sanitaria teramana per il suo futuro. In passato alcuni locali dell’ultimo piano erano stati adibiti, momentaneamente, a sede di alcune  aule del liceo adiacente, con proteste di insegnanti e alunni per via del totale degrado dei locali e della pessima qualità delle finestre dalle quali entrava il vento e persino l’acqua piovana. Si era paventata anche l’ipotesi, rimasta tale, di una locazione da parte della proprietà al Polo scolastico dopo aver fatto i lavori, grazie all’interesse del sindaco di Atri Piergiorgio Ferretti, al fine di incrementare il numero di aule e di conseguenza gli studenti del plesso d’istruzione. Una trattativa che si sarebbe arenata subito e che non ha avuto alcun seguito. Sta di fatto che il manufatto nella situazione in cui si trova non solo esteticamente è inguardabile ma resta una concreto pericolo per l’incolumità e la sicurezza dei passanti.

Lavocedelcerrano

Direttore Responsabile e Fondatore del Giornale " la Voce del Cerrano"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: