L’Istituto Comprensivo di Atri promuove idee innovative per la comunità locale dopo la “missione” in Spagna e Slovenia

L’Istituto Comprensivo di Atri promuove idee innovative per la comunità locale dopo la “missione”  in Spagna e Slovenia

L’Istituto Comprensivo di Atri, diretto da Nadia Graziani, individua la formazione in servizio del personale come risorsa primaria per la didattica, volano di innovazione educativa per lo sviluppo individuale, professionale e imprenditoriale dell’intera comunità. Nell’ambito del Progetto KA101 “Education on the move: let’s turn ideas into action”, coordinato da Gaetanina Da Fermo e Giuliana Di Pasquale, venti docenti dell’Istituto hanno svolto corsi di formazione presso Urnieta (Spagna) e Lubiana (Slovenia) per la realizzazione di percorsi educativo-didattici sull’imprenditorialità. Al termine delle attività di formazione i partecipanti hanno acquisito una significativa conoscenza degli strumenti utili a promuovere lo sviluppo dello spirito d’iniziativa nei discenti e hanno elaborato un’unità di apprendimento, che incide in modo sostenibile nella realtà locale. In applicazione di un Programma di Simulimpresa, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Atri e l’Associazione Italia Nostra sede di Atri, gli allievi dei tre diversi ordini di scuola, supportati dal personale scolastico e dalle famiglie, nelle vesti di “piccoli imprenditori” realizzeranno un’aula verde con giardino officinale nella Villa Comunale della città ducale. Successivamente saranno avviati laboratori tecnico-scientifici-sensoriali sui diversi usi delle piante officinali raccolte e sulla produzione dei loro derivati. I prodotti raccolti e realizzati saranno gestiti dalla comunità scolastica e virtualmente immessi nel mercato locale.

Le azioni sostenute della partecipazione al programma Erasmus+ KA101 – commenta la Dirigente Scolastica Nadia Graziani – hanno avuto ricadute positive e durature sulla nostra organizzazione scolastica e hanno generato il trasferimento di nuove pratiche a livello locale”.

Attraverso l’attività sul campo, saranno in effetti promosse conoscenze sul mondo vegetale, il rispetto dell’ambiente e dei ritmi della Natura attraverso un’agricoltura sostenibile, valorizzando la creatività, la manualità e il lavoro di squadra. 

Il nostro è un progetto lungimirante che mira a promuovere l’innovazione, la creatività, la partecipazione e l’imprenditorialità sociale a livello intersettoriale e interdisciplinare, in un approccio inclusivo di comunità” – aggiunge la Vicepreside Gaetanina Da Fermo, Ambasciatore Erasmus + Scuolae persona di contatto del progetto.

La promozione della competenza imprenditoriale è un valore competitivo che permetterà all’IC di Atri di sviluppare le potenzialità presenti nel territorio. Il beneficio atteso nel lungo periodo fa riferimento allo sviluppo dello spirito d’iniziativa nei discenti, competenza trasversale e plurima, che favorisce la costruzione flessibile di progetti di vita e di lavoro e condiziona in modo sostenibile la realtà locale e globale.

Marino Spada

Direttore Responsabile e Fondatore del Giornale " la Voce del Cerrano"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: