Territorio: giovedì a Pescara conferenza stampa con assessore Campitelli

L’assessore con delega al Territorio ed ai Paesaggi, Nicola Campitelli, convoca per le ore 11.00 di giovedì 18, a Pescara, nella sede della Regione di piazza Unione (sala Corradino D’Ascanio – 3° piano), una conferenza stampa per presentare un progetto di tutela della biodiversità.

 

Nello specifico, nel quadro della transizione ecologica e nell’esigenza evolutiva di creazione di aggregati pubblico-privati per lo sviluppo di  politiche attive nell’ambito dei processi di educazione e sensibilizzazione ambientale nasce  “Educare alla biodiversità”: un accordo partenariale fra il Comune di Rocca San Giovanni, la Riserva naturale regionale “Grotta delle Farfalle”, l’associazione “Ambiente e/è Vita” Abruzzo (in qualità di soggetto deputato alla governance dell’area protetta) ed il giardino zoologico “Zoo D’Abruzzo” .

 

Il progetto costituisce un primo vero tentativo di realizzare processi educativi focalizzati sulla biodiversità complessivamente intesa e quindi, sia pur nelle differenti declinazioni ecosistemiche areali, quale unicum da scoprire e tutelare nel suo insieme.

 

Uno spicchio d’Abruzzo dedicato alla conoscenza della biodiversità  avendo quale punto di partenza gli ecosistemi areali per giungere, in un percorso guidato, alla scoperta dei diversi ambiti naturalistici che caratterizzano il Pianeta sia sotto il profilo faunistico che degli habitat correlati.

 

“La Regione Abruzzo – dichiara l’assessore Nicola Campitelli – sostiene e promuove queste iniziative in attuazione degli indirizzi  della Strategia sulla Biodiversità europea per il 2030  ed in attuazione degli indirizzi delle Strategie Nazionali per lo Sviluppo Sostenibile e per la Biodiversità ed in correlazione con i 17 Goal dell’Agenda 2030-2050. In particolare, – ha prosegue l’assessore- il progetto  si caratterizza per la creazione di una piattaforma di confronto permanente finalizzata ad una conoscenza diretta dei fenomeni e dei processi regolatori del sistema ambiente  attraverso una metodologia educativa basata sull’esperienzialità e sulla stimolazione di una co-responsabilità gestionale ovvero quanto indicato come prevalente nelle strategie poste in essere  dall’INFEA Regionale, il sistema regionale per l’informazione, la formazione e l’educazione ambientale gestito dal Servizio Politica Energetica, nelle schede del PNRR e nella Programmazione Comunitaria”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: