Atri, appello del Comitato Difesa Ospedale al Sindaco: riaprire tutti reparti come promesso

In una lettera aperta del Comitato difesa Ospedale di Atri si legge:  come cittadini siamo in fremente attesa che gli impegni presi nei mesi scorsi, con Lei Signor Sindaco, da parte della Dirigenza teramana dell’ASL, nonché vs Consiglieri Regionali di Riferimento con dichiarazioni fatte e rese, in Consiglio Comunale in Atri (almeno credo di aver ascoltato questo), e per finire, dalla politica di vostro gradimento tutta, che, presso l’Ospedale S. Liberatore di Atri, dopo, dicevo con  promesse ed omissioni, che  hanno determinato per alcuni importanti Servizi del S. Liberatore,chiusure o ridimensionati nella loro attività d’istituto, vadano ad essere  riaperti nella loro piena efficienza e funzionalità, direi compromessa per volontà politiche, imponendo per  lo stesso Ospedale, il “TUTTO COVID 19 “, sia per l’anno 2020, ed anche per l’ anno 2021, con evidenti chiusure, soppressioni e condizionamenti vari,  ripeto, RIAPRENDO il tutto a partire dal 1-SETTEMBRE-2021, e cioè:

 

-Riaprire tutte le attività chirurgiche del Presidio Ospedaliero, già  abbondantemente compromessi nella

 loro attività dal 2020 e proseguita nel 2021,  con grave nocumento per pazienti e cittadini e cioè:

-Chirurgia Generale;

-Ortopedia Generale;

-Urologia;

-Oculistica.

 

-Riaprire le attività  previste della Pediatria e Neonatologia in h24 ed in h24;

-Riaprire in attività dovuta la Cardiologia e con idonee apparecchiature;

-di Avere  e vedere attivata la 2° TAC dedicata al COVID 19 (già deliberata);

-di Avere la Risonanza Magnetica Nucleare (attesa da 23 anni e deliberata anch’essa);

-di avere il giusto personale Medico e Tecnico, e soprattutto Infermieristico per adempiere a queste  funzioni di

 interesse territoriale di 14 Comuni dell’AREA VASTA, quasi 140 mila ab. I cui Sindaci hanno più volte

 manifestato solidarietà ed esigenza in tal senso.

 

-Inoltre, prevedere e provvedere, ad instaurare posti letto di Ostetricia e di Ginecologia, che sono branche

 Medico-Chirurgiche, così come fatto per Penne e Ortona, cioè la dove furono soppressi i relativi Punti 

 Nascita, che questa maggioranza non si è degnata minimamente di riproporre. Servizi ingiustamente ed 

 ingiustificatamente  furono soppressi per Atri.  In attesa di riscontri,

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: