Atri, nel Santuario di Santa Rita presentato il libro di Don Emilio Bettini “Ars Celebrandi”

“Chi canta bene prega due volte” Con queste parole Mons. Marcos Pavan, maestro direttore della Cappella Sistina di San Pietro in Roma, ha introdotto il suo intervento presentando il libro di Don Emilio Bettini, segretario particolare del Vescovo della Diocesi Teramo-Atri, Mons. Lorenzo Leuzzi, il cui titolo è “Ars Celebrandi”, edito da Edizioni Palumbi, pagg.96 , Euro 10,00.  La pubblicazione, ha spiegato il relatore, si pone l’obiettivo di esaltare il valore dell’arte nella celebrazione coinvolgendo il proprio “io” in modo più intenso di quanto si parla nell’ambito della preghiera comunitaria. “ Ragioniamo tanto di teologia liturgica.  Ma celebriamo male. Si è studiata molto la ratio. Si è curato pochissimo il modus. Ignari del fatto che qui è il modus a fare la differenza “(Zanchi G. Rimessi in viaggio. Immagine di una Chiesa che verrà) La forma che prende sostanza e che conferisce alla celebrazione un valore diverso, ha precisato il direttore del coro della Cappella Sistina. La vera forma della liturgia è l’opus Dei, ossia essa è opera di Dio e non dell’uomo, un’azione divina che con-sacra, affinchè “ da questo mondo prendiamo congedo nell’intervallo liturgico per scoprirvi le responsabilità che incombono su di noi”.  Ma il modus è sempre una questione di estetica e poietica del mondo che si arrende alla bellezza divina, precisa l’autore, che aggiunge: sono la parola e il gesto che cercano di superare se stessi per rendere in sé il più trasparente possibile la presenza dell’azione di Dio come benedizione. Alla presentazione del volume, a margine della Santa Messa, svoltasi nel Santuario Diocesano di Santa Rita ad Atri, hanno preso parte il Vescovo Leuzzi, la cui  concelebrazione è stata affiancata anche dal rettore della Chiesa, Mons. Antonio Bartolacci e il Sindaco Piergiorgio Ferretti, dinanzi ai numerosi fedeli. La liturgia è stata animata dalla Corale “ G. D’Onofrio” della città Ducale, alla quale il maestro direttore della Cappella Sistina ha rivolto i suoi complimenti. Al termine della cerimonia, l’ospite d’onore della serata, che ricopre anche il ruolo di coadiutore del Capitolo della Basilica di San Pietro in Vaticano, grazie alla nomina ricevuta da papa Francesco  nel 2015, ha promesso, appena sarà possibile, di portare nella città Ducale il prestigioso coro che anima le messe del Santo Padre,  trasmesse in mondovisione .

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: