Che fine ha fatto il bar del Teatro? S.I. lo chiede al Sindaco di Atri

Che fine ha fatto il bando per il bar del teatro comunale? E’ quanto chiede l’esponente del Circolo Enrico Berlinguer- Sinistra Indipendente- Mario Marchese, in una nota inviata al Sindaco di Atri, Piergiorgio Ferretti.  Nella richiesta si legge “ ormai sono mesi, direi anche  più di un anno, che è stata fatta la revoca al gestore del Bar Teatro Comunale, per ragioni diverse, e detto questo, poi è stato fatto un Bando di gara, e dopo mesi di gestazione, per aggiudicare la sua gestione a nuovi ed eventuali interessati.

Ma a tali atti, ad oggi,  prosegue l’ex sindaco Marchese, non abbiamo verificato, come cittadini, (a parte le difficoltà imposte dal Covid a tale settore), che venisse aggiudicata la relativa gestione. Come mai? Vi sono ripensamenti? Vi sono altre idee? Come qualche associazione  proponeva?

Tutto morto…e sepolto? Eppure questo Ente,-aggiunge Marchese- ha letteralmente bisogno di entrate derivante da “fitti attivi”, come lo è quello derivante dall’affitto del Bar Teatro, e non si può di certo permettere di soprassedervi, salvo sfiorare dei “danni erariali al Comune” (almeno credo, poi…..).

Direi anche che non  può essere, che un Comune povero come il nostro, ripeto, possa rinunciare ad  “entrate correnti”– spiega l’esponente di Sinistra Indipendente-  per così lungo tempo, come dicevo, da “fitti attivi” come quello proveniente dal  Bar del Teatro Comunale. O mi sbaglio?

Per questo, sarebbe opportuno riattivare le condizioni di riapertura, come e sempre rispettando regole e volontà politiche, ma non certamente facendolo rimanere chiuso, così com’è  ora, e questo da quasi due anni.

Già Atri è un mortorio, – conclude Marchese-la piazza più importante di questa città, senza alcuni punti di riferimento, perde la sua connotazione più importante  “ l’Agorà !! ”

Credo, che sia urgente provvedere a questa aggiudicazione, o nuova gestione, o diversa volontà politica di allocazione.  Al riguardo, per dovere di cronaca, ricordiamo che l’unico partecipante al bando che fù indetto a suo tempo, e vincitore, non è stato ammesso dalla commissione. Decisione che è stata oggetto di ricorso al Tribunale amministrativo regionale che ancora non si pronuncia sul merito.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: