Atri, la variante inglese del virus ferma le scuole sino alla fine del mese

Variante inglese del virus anche tra i banchi delle scuole elementari e medie ad Atri, tanto da costringere il sindaco Piergiorgio Ferretti, a chiudere i relativi plessi scolastici. I casi accertati sarebbero due, al momento, un alunno delle scuole medie e uno delle scuole elementari, e, da quanto ci assicura il primo cittadino, il protocollo, in questo caso sarebbe diverso da quello tradizionale. Si tratta-ha spiegato Ferretti- di chiudere le aule sino al 28 Febbraio poiché le attività connesse al controllo vanno indietro di almeno quindici giorni e il tracciamento è molto lungo e dettagliato. In città c’è molta paura per l’evidente situazione di pericolo di contagio che ha costretto anche il corpo insegnati alla quarantena. Secondo alcune voci i ragazzi colpiti dal virus con la variante raggiungevano le scuole a bordo del pullmino della scuola bus che viaggia in direzione sud della città. Sempre in tema si contagi della stessa specie, sembrerebbe che un medico del posto che sia stato ricoverato all’Ospedale San Liberatore e sia sotto osservazione per il controllo dell’evoluzione virale. La tensione e la paura in citta sono tornate a frasi sentire e non mancano segnali di preoccupazioni anche quando ci si reca in uffici pubblici o all’interno dei locali adibiti al commercio dei beni di prima necessità, dove il distanziamento non  viene  sempre rispettato. A differenza delle scuole, gli asili nido sono regolarmente aperti, e nella frazione di Casoli anche le classi della media. Da oggi, ci dice un genitore, anche mio figlio che frequenta la seconda media, è costretto a seguire le lezioni con la didattica a distanza, dalle 9 alle 11 del mattino,  e non sempre, per esigenze di lavoro, possiamo essere presenti in casa.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: