Teramo, la Ruzzo reti replica al Sindaco D’Alberto: mette in dubbio la nostra neutralità

Prendiamo atto delle parole del Sindaco di Teramo con le quali viene criticato il modus operandi relativo all’elezione dei componenti del Collegio Sindacale.
Orbene, un conto è l’aspetto legato alla sua personalissima battaglia politica all’interno della Ruzzo Reti S.p.A.– nella quale non vogliamo entrare in alcun modo – un altro, invece, è l’attribuzione di una appartenenza politica ai membri del collegio sindacale – cosa non condivisibile in quanto il Sindaco non conosce affatto le nostre storie personali e non è accettabile che entri in discorsi a lui sconosciuti.
La cosa che desta più perplessità è il mettere in dubbio “la nostra neutralità, il nostro potere di vigilanza e di controllo sullo stato di salute della Società”: questo è professionalmente e eticamente del tutto inaccettabile.
Il sindaco di Teramo, quale rappresentante del nostro capoluogo, mette in cattiva luce l’intera comunità teramana mettendo in discussione l’integrità professionale e l’imparzialità a priori dell’intero collegio.
L’incarico ricevuto ci onora e, senza ombra di dubbio, verrà svolto nel rispetto dei principi deontologici che caratterizzano il nostro ufficio e la nostra professione.
Ci auguriamo che tali argomentazioni, surreali e pretestuose, non vengano più riproposte.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: