La Lega di Atri a Giuliante: pensi alla Tua in cui è stato nominato

“Ritengo davvero riprovevoli le parole usate dal commissario provinciale teramano della Lega, Gianfranco Giuliante, che è entrato a gamba tesa nella vicenda che riguarda esclusivamente gli organi della Asp 2 Teramo, ovvero la nomina del nuovo direttore, su base fiduciaria, come previsto dal Regolamento della stessa Azienda e come fatto in passato nel pieno rispetto di leggi e statuto come sempre fatto nelle Asp di Pescara e Chieti. Utilizzare una patologia per offendere i componenti del cda della Asp 2 che, tra i propri servizi, ha anche un centro diurno per disabili psicofisici, è il punto più basso che la politica dei nominati potesse toccare”. Lo afferma Luigi Collevecchio, segretario cittadino della Lega di Atri. “La nomina a direttore generale della Asp 2 nella persona di Gabriele Astolfi oltre ad essere legittima, rispecchia l’autonomia del cda rispetto all’appartenenza politica dei singoli componenti e, allo stesso tempo, rispetta il territorio che, in questo modo viene rappresentato tenuto conto che la presidenza è stata affidata ad un esponente leghista, candidato a sindaco sconfitto alle passate amministrative, Luca Di Pietrantonio di Pineto che in nove mesi non ha mostrato alcun legame con la città ducale. Riteniamo che l’attacco di Giuliante abbia davvero superato il limite del decoro politico ricorrendo, in evidente assenza di argomenti, agli insulti. In questo caso, addirittura, paragonando i componenti del consiglio di amministrazione a delle persone affette da una patologia psicofisica non mostrando alcuna sensibilità e alcun rispetto, non che ce lo aspettassimo, per chi, davvero, soffre a causa di una malattia che merita cure e soprattutto silenzio. Una mancanza di sensibilità che non ci sorprende ma che ci disgusta – sottolinea il segretario leghista Collevecchio -. Il compito della Asp 2 di Atri è quello di offrire servizi al territorio, servizi che vengono puntualmente erogati a quelle persone che rientrano nelle fasce sociali più deboli quali anziani, disabili, minori con problemi psicofisici e donne vittime di violenza: una missione che può essere svolta bene e meglio da chi il territorio lo vive e lo conosce e riteniamo che la scelta legittima e rispettosa delle norme, effettuata dal consiglio di amministrazione, sia la migliore che potesse essere fatta. Giuliante dovrebbe occuparsi di più della situazione del suo partito a L’Aquila e della gestione della Tua, dove è stato NOMINATO presidente. L’Azienda di trasporti sta facendo registrare, oltre che un’alta conflittualità sindacale, ma questa deve essere una specialità di Giuliante e dei suoi uomini, visto quanto è accaduto all’interno dell’Asp 2, anche un vertiginoso calo del fatturato, negli ultimi mesi, che ha creato una pericolosa crisi di liquidità per la società di trasporti pubblici abruzzesi. Stendiamo un velo pietoso anche su quanto si sta verificando all’interno del consiglio di amministrazione dell’area marina protetta del Cerrano dove, lì si, si sarebbero verificate delle violazioni statutarie da parte di altri fedelissimi di Gianfranco Giuliante, tanto da richiedere un intervento censorio del Tribunale Amministrativo Regionale, che, evidentemente, si è circondato di un vero e proprio “circo magico. Quanto ai presunti cambi di serrature e password: posso affermare che nessuna serratura per impedire l’accesso del presidente è stata cambiata. Presidente che è assente da un mese e mezzo senza che si sia minimamente preoccupato delle attività Asp che continuano ad essere erogate grazie agli uffici e agli indirizzi del CdA. Lo stesso dicasi per la gestione della posta aziendale che sono questioni interne organizzative degli uffici”. Sulla vicenda delle dichiarazioni offensive di Giuliante nei confronti dei componenti del cda della Asp 2, interviene anche il presidente del consiglio comunale di Atri, Cristina Forcella della Lega. “Il comune di Atri è componente dell’assemblea che elegge i consiglieri di amministrazione dell’azienda. La nostra amministrazione è in piena sintonia con le scelte del cda: scelte rispettose della legge nonostante ci sia chi provi ad affermare l’esatto contrario – specifica Cristina Forcella -. L’amministrazione comunale ha il dovere morale di vigilare sull’azione dell’Asp 2 che amministra le proprietà che compongono gran parte del patrimonio aziendale lasciato in eredità dal benefattore Domenico Ricciconti. E’ evidente che c’è un commissario provinciale del partito, mi riferisco a Giuliante, che ritiene di poter fare e disfare senza che mai in passato, nessuna forza politica si sia mai lontanamente permessa di dare indicazioni su scelte che riguardano l’amministrazione Ricciconti. Scelte che sono state e sono prese in piena autonomia dai desideri di Giuliante. Scelte che continueranno ad essere fatte – conclude il presidente del consiglio comunale atriano – nel solo e unico interesse dell’azienda e dei suoi assistiti non certo di Giuliante

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: