Atri, il Sindaco Ferretti sui marciapiedi in viale Risorgimento: ” pienamente conformi e rialzati, polemica sterile”

Sui lavori di realizzazione dei marciapiedi di Via Risorgimento, al centro di una recente polemica sollevata da alcuni cittadini su organi di stampa, interviene il Sindaco di Atri Piergiorgio Ferretti: “Sono rimasto stupito dalla protesta avanzata da alcuni cittadini relativamente alla realizzazione dei marciapiedi che interessano Via Risorgimento, in quanto i lavori, che sono iniziati solo da pochi giorni, sono pienamente conformi al progetto esistente. Il relativo progetto prevede dei marciapiedi rialzati e non a raso come è riportato negli articoli di stampa pubblicati, salvo che in prossimità degli accessi pedonali alle civili abitazioni presenti nel tratto stradale interessato dai lavori”.

 

“Mi preme rassicurare tutta la cittadinanza – continua il primo cittadino – informando che il relativo intervento, che non comporterà inoltre alcun restringimento della carreggiata, viene effettuato proprio per garantire una maggiore sicurezza per i tanti pedoni che percorrono a piedi Via Risorgimento che rappresenta l’arteria stradale più trafficata della città, pertanto la protesta sollevata è da ritenersi oggettivamente infondata e fuorviante in quanto basata semplicemente su una mancata conoscenza del progetto. Per ciò che attiene i marciapiedi a raso precedentemente realizzati all’altezza del bivio per Via Finocchi abbiamo invece, come Amministrazione Comunale, ritenuto di accogliere le varie sollecitazioni provenienti dai cittadini, predisponendo un ulteriore intervento che comporterà un rialzamento di alcuni centimetri del marciapiede presente. Siamo sempre, come Amministrazione, disposti a fornire ai cittadini qualsiasi chiarimento sui progetti che realizziamo ascoltando con attenzione qualsiasi osservazione che ci venga presentata, ma ci auguriamo in futuro che si faccia più attenzione a sollevare sterili polemiche che hanno come unico effetto quello di creare un ingiustificato allarmismo nella popolazione che sarebbe sempre meglio evitare quando non ci sono concrete e reali motivazioni”.  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: