Atri, Italia Nostra all’A.C.A.: intervenire subito sui pozzetti ricoperti dall’asfalto per evitare nuovi danni in caso di “bombe d’acqua”

Abbiamo riscontrato che all’interno dell’area del Nucleo industriale di C.da Camerino di Atri (Te), persiste da oltre un mese una evidente perdita di acqua. E’ quanto scrive in un comunicato stampa la locale sezione di Italia Nostra, a firma del Presidente Mimmo Zenobio, che aggiunge: ci  risulta che alcuni cittadini del luogo abbiamo tempestivamente segnalato questo problema all’Aca  senza che, però, si sia provveduto alla necessaria riparazione.Un altro problema,  continua Zenobio-di ordine strutturale, esiste, sempre in Atri, lungo la fognatura di acque nere e bianche che, dal Fosso della Stufa, porta i liquami verso il depuratore, transitando di fronte alla Fontana Pila e proseguendo lunga la SP 28 Atri-Pineto. Gli abitanti della zona ci riferiscono che lungo il tratto di strada di cui trattasi sono presenti diversi pozzetti di ispezione che, nel corso degli anni, sono stati ricoperti dall’asfaltatura del manto stradale. In occasione dell’ultima importante “bomba d’acqua”, occorsa il giorno 14 agosto u.s., si è notato un sollevamento e una frattura in più punti dell’asfalto, parallela all’asse stradale. Ciò fa pensare che la pressione dei liquami all’interno della fognatura, non riuscendo a sollevare i chiusini dei pozzetti, abbia determinato la rottura della linea.

Chiediamo, pertanto, che sia effettuato urgentemente un sopralluogo per constatare quanto sopra descritto per far fronte al citato problema.

A nostro sommesso parere, se non si provvede a riportare al più presto in superficie i pozzetti d’ispezione, si rischia che un altro importante fenomeno temporalesco (ormai sempre più frequenti) possa minare la stabilità della storica  Fontana Pila, recentemente restaurata dal Comune, e dell’abitazione privata sita in prossimità.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: