Sullo stato di abbandono del Giardino Sorricchio di Atri, di cui abbiamo dato conto con la divulgazione del comunicato stampa di Abruzzo Civico della città ducale, nel quale il movimento  segnalava la presenza di capre al suo interno  e il disinteresse del’amministrazione comunale nella conservazione e manutenzione, interviene la proprietà. In una nota diffusa dai Legali della famiglia Guido e Francesco Sorricchio Valforte,  Avvocati Camillo Consorti Petrei e Paolo Mutoschi, entrambi di Atri, si legge che ” Abruzzo Civico avrebbe dovuto e potuto assumere maggiori informazioni in modo tale da non mancare in maniera così marchiana e maldestra l’obiettivo delle proprie invettive.Infatti-prosegue il comunicato dei Legali- il Giardino Sorricchio è si anche di proprietà dei nostri assistiti, ma dal 2004 è nel possesso esclusivo del Comune di Atri“.  Anno in cui l’amministrazione comunale a guida dell’allora Sindaco Paolo Basilico, aveva sottoscritto con i Sorricchio Valforte, un contratto di comodato gratuito, alla cui scadenza il Comune non aveva provveduto alla restituzione, come del resto ammesso dal Sindaco di oggi Piergiorgio Ferretti con una lettera indirizzata alla proprietà, lo scorso 2 Agosto 2018.  La situazione di incuria in cui oggi versa, continua la proprietà, è solo responsabilità del Comune di Atri che ha omesso di manutenerlo ,  e l’attuale stato di squallido abbandono del giardino può e deve essere ritenuto attribuibile solo all’Amministrazione Comunale .

Annunci