Teramo, sabato 23 tavola rotonda sul tema “inclusione sociale dei poveri” promossa dalla Caritas della Diocesi Teramo-Atri

Il tema dell’inclusione sociale dei poveri prende spunto dal discorso di papa Francesco a Firenze, dove ha assegnato a tutti il compito di riprendere tra le mani la Evangelii gaudium. Già Paolo VI lo aveva ricordato nella Evangelii nuntiandi (nn. 21 e 41). Lo ha ribadito Benedetto XVI e lo ha ripreso con forza Papa Francesco quando, al n. 14 della Evangelii gaudium, quando afferma lapidariamente che “la Chiesa non cresce per proselitismo, ma per attrazione” e dunque l’invito a prenderci e a vivere la parte di impegno che ci spetta.

L’inclusione sociale dei poveri non è frutto di strategie più o meno accorte. È invece questione e frutto di uno stile! Lo stile appreso alla scuola di Gesù. «Tutta la sua vita è stata un uscire da sé verso gli altri, a cominciare dal guardarli con attenzione e amore» (EG, 269); e quindi con l’atteggiamento di chi – come ci ricordano Pietro (1Pt 3,16) e l’apostolo Paolo (Rm12,18) – rende ragione della propria speranza con rispetto e dolcezza, rinunziando a farsi giudici degli altri.

Assumere, come Chiesa e come singoli credenti l’atteggiamento del rispetto e della dolcezza, smettendo l’arroganza delle parole e dei giudizi pesanti come pietre. Questa non è né un’opinione né un segno di debolezza, come si sente spesso dire, soprattutto in questi ultimi tempi. Né, come si legge al n. 271 della EG, è una tra le tante e possibili opzioni pastorali. È invece l’indicazione della Parola di Dio: «É vero che, nel nostro rapporto con il mondo, siamo invitati a dare ragione della nostra speranza, ma non come nemici che puntano il dito e condannano. [ …].

L’inclusione dei poveri alla quale è dedicato gran parte del quarto capitolo (nn. 186-216) della EG non è un’operazione sociologica; è piuttosto l’impegno a restituire al povero la dignità che gli è stata sottratta. E questo, si capisce, richiede molto più della risposta ai bisogni materiali.

Qui e solo qui trova qui la sua giustificazione la partecipazione dei credenti alla vita pubblica e l’impegno per contribuire a costruire un mondo migliore, senza la pretesa di possedere il monopolio della interpretazione della realtà ecclesiale o la soluzione perfetta per i problemi contemporanei.

Durante la Tavola Rotonda ascolteremo le seguenti testimonianze:

Fam. Ottavi di Ponzano di Civitella, – Ambito Famiglia

Piccola Opera Charitas,- Ambito Disabilità

Vicesindaco Torricella – Ambito Immigrazione

Casa Famiglia Manuela Campli – Ambito Carcere

Don Jean Pierre Ekombo , Repubblica Democratica del Congo – Ambito Mondialità

PROGRAMMA DELLA TAVOLA ROTONDA

9.30     Preghiera

9.45     Relazione introduttiva

Mons. Lorenzo Leuzzi, Vescovo di Teramo-Atri

10.30   Tavola Rotonda

Ambiti testimonianze: Famiglia, Disabilità, Immigrazione, Carcere, Mondialità.

Modera: Don Igor di Diomede, Direttore Caritas Diocesana

12.30   Conclusioni

Don Emilio Bettini, Vicario per gli Affari Generali.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: