Raduno Auto d’Epoca, dai Club del Rotary un contributo economico alle aree colpite dal sisma nel teramano

Sostenere le aree colpite dal terremoto e le eccellenze del territorio.E’ stato questo il filo conduttore del  “Primo Raduno Auto Classiche Abruzzo Teramano”, organizzato dai Club Rotary della Provincia di Teramo  che si è svolto dal 20 al 22 Settembre toccando alcune città dell’interno teramano come Campli, Castelli,  Prati di Tivo, Montorio al Vomano e Teramo, con il quartier generale nella città di Roseto degli Abruzzi presso l’ampia struttura ricettiva “Lido d’Abruzzo”.

“Con questa tre giorni –  ha dichiarato soddisfatto il Presidente del Club Rotary Nord Centenario Gaetano Luca Ronchi, promotore insieme ai Club Rotari Teramo e Termo Est della manifestazione – abbiamo inteso  raccogliere delle somme tra i partecipanti che abbiamo destinato al territorio  di Castelli, così duramente  ferito in occasione delle recenti attività sismiche che ne hanno compromesso seriamente le attività imprenditoriali e la stessa vità come comunità. E’ comunque un piccolo sostegno ad un territorio, quale è quello teramano, ha proseguito Ronchi, dalle grandi valenze ed eccellenze culturali, architettoniche, naturalistiche ed eno-gastonomiche, che abbiamo  contribuito a  promuovere  in questa tre giorni con le “vecchie signore  a quattro ruote” che hanno percorso in lungo e in largo, tra colline, montagne e suggestivi paesaggi, il territorio. Un evento– ha rimarcato  il Prof. Avv. Sandro Pelillo, assistente del Governatore del Distretto 2090 del Rotary e promotore della manifestazione  – di rilevanza nazionale  in collaborazione  con  l’A.R.A.C.I. (Associazione Rotariana Auto Classiche Italia)   ed alla quale hanno partecipato  il Presidente Nazionale Giuseppe Giaconia di Migaido e quello internazionale, Matthijs van den Adel, il primo proveniente dalla Sicilia ed il secondo dall’Olanda”.

Non sono mancate, tra le numerose auto storiche della carovana,  anche alcune chicche, tra cui l’auto d’epoca  della Polizia, la mitica Alfa Giulia del 1960 in uso all’epoca alla Squadra Mobile – concessaci dal Ministero dell’Interno grazie all’interessamento del Questore di Teramo dott. Enrico De Simone  –  e su un’Alfa Romeo 6C 1750 GS del 1929, modello con il quale Nuvolari vinse la Milla Miglia, che hanno fatto da staffetta  alla carovana.  La serata finale dell’evento, ha visto la premiazione di alcuni partecipanti, premiati in occasione della cena di gala e beneficienza svoltasi a Roseto degli Abruzzi, dove il Past Presidente del Club di Teramo est, dottor Alessandro Caccia, ha consegnato un riconoscimento alla Polizia Stradale per la preziosa collaborazione.  Una prima edizione di grande successo grazie anche alla sinergia con i  Sindaci dei comuni raggiunti nel percorso e dei molti volontari dei Club teramani del Rotary, che hanno consentito la buona riuscita dell’evento automobilistico.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: