“Dopo mesi di segnalazioni e fiumi di inchiostro per cercare di ottenere l’interessamento di qualche rappresentante istituzionale alla situazione della nostra scuola elementare, ieri, venerdì 13 aprile, il Consigliere Regionale pentastellato Riccardo Mercante ha voluto incontrarci per affrontare la questione, proprio davanti all’edificio scolastico.” Con queste dichiarazioni inizia il comunicato stampa del Comitato Genitori Scuole di Atri a proposito della drammatica situazione in cui versa la struttura scolastica nel pieno centro della città.  Cinzia Di Luzio, Presidente del Comitato, nella nota diffusa aggiunge:

” Ci hanno raggiunti il candidato Sindaco del Movimento 5 Stelle Massimiliano Concetti, l’attuale Assessore alla Pubblica Istruzione Piergiorgio Ferretti e pochi altri genitori. Ci siamo soffermati a guardare il retro della nostra scuola, ovvero la parte in cui sono state fatte le opere di demolizione e rimosse le macerie della palestra, il cui tetto era crollato in seguito alla nevicata del febbraio 2012. Lo scenario è quello di una scuola sventrata, francamente inquietante”

Abbiamo tentato, in breve,-prosegue Di Luzio-  di ricostruire la tormentata storia dei lavori di messa in sicurezza e di adeguamento antisismico che, dopo ben cinque anni dalla presentazione del progetto, si trova, ancora una volta, ad un punto morto. Abbiamo tentato di evidenziare anche le criticità non visibili come la mancanza di certificazioni per la centrale termica e le ricorrenti infiltrazioni di acqua dai solai in seguito ad abbondanti piogge.

Come politico e come genitore Mercante reputa legittime le nostre apprensioni e ritiene che si tratti di una questione che deve essere sbloccata e risolta con urgenza.

L’Assessore Ferretti, dal suo canto, ci ha riferito che la ditta, classificatasi ottava nella graduatoria della gara di appalto avrebbe accettato l’incarico di portare a termine i lavori. Ci ha invitati a recarci presso gli uffici comunali nella mattina di martedì 17 aprile per mostrarci la documentazione che attesta quanto da lui dichiarato. Dunque i lavori dovrebbero riprendere nei prossimi giorni. La Di Luzio conclude affermando :” abbiamo molte volte sentito queste rassicurazioni, ci permettiamo di avere qualche dubbio a riguardo, augurandoci, nel contempo, che corrispondano a verità. Sul mancato avvio dei lavori presso l’asilo nido di via Risorgimento, previsto in realtà per lo scorso settembre, l’Assessore non ha potuto darci chiarimenti in quanto pare non rientri nell’ambito della Pubblica Istruzione, dunque non di sua competenza.Scuola Elementare.jpgIl Consigliere Mercante ci ha lasciato i suoi contatti e si è impegnato a seguire l’evolversi della situazione pregandoci di tenerlo aggiornato.

Annunci