Elezioni provinciali, Sinistra Indipendente: ennesima beffa per il Comune di Atri, nessun eletto

Elezioni provinciali, Sinistra Indipendente: ennesima beffa per il Comune di Atri, nessun eletto

Ennesima beffa per  per il Comune di Atri dopo le consultazioni provinciali nelle quali nessun candidato è stato eletto nè tanto meno confermato, come nel caso dell’assessore uscente Domenico Pavone (Forza Italia). E’ quanto denuncia Sinistra Indipendente nella nota diffusa, in cui scrive “ per noi atriani, erano candidati, da parte della maggioranza, Pavone Domenico, Assessore uscente provinciale, e l’Assessore Comunale di questa Giunta, la dr Mimma Centorame.

Per la MINORANZA atriana, invece, NESSUNO, non toccano proprio palla nell’ambito provinciale.

Come si è visto, ad elezioni avvenute, dei candidati atriani, non hanno avuto nessun riscontro, anche loro “non toccano palla”, nonostante che hanno di nuovo vinte le elezioni, con 7 Consiglieri di centro destra e 5 di centro sinistra, con il Presidente in Carica, il dr Diego Di Bonaventura che vi rimarrà ancora per un anno, sempre di centro destra.

Come si vede:ATRI RESTA FUORI DA QUESTA  ISTITUZIONE”, che oggi ha ripreso fiato, rispetto alle competenze che aveva qualche anno addietro, e chissà cosa avverrà per il futuro (personalmente li farei rimanere, e toglierei le Regioni), dicevo, Atri rimane fuori, sia con possibili rappresentanti di centro destra che di centro sinistra. Un bel risultato, non c’è che dire, sicuramente significativo per il ruolo che Atri deve o riveste nell’ambito della Provincia o della Regione Abruzzo, o per Enti poi delegati, come l’ASL di Teramo, cioè: “conta zero e porto zero!”

Ma se vanno bene a lor signori, tutto è bene (e poi si vede quanto poi conta con le possibili soluzioni ai suoi problemi territoriali, e di servizi: Ospedale, ASL, strade, Servizi, soluzioni problemi occupazionali, industrializzazione, commercio, artigianato, turismo residenziale e non, e questo nell’ambito del territorio, in Regione ancor meno.

Egregio Signor Sindaco Prof. Ferretti, lo vediamo da questo dato, quanto contiamo, non crede? Io si, purtroppo, e me ne dolgo, come cittadino e come Sindaco emerito di questa città.

Poi, un’altra considerazione mi va di fare, cioè, che nessuna “donna” è stata eletta!! Bella roba, cari della politica e dei partiti della provincia teramana. Altro che possibili “riserve indiane” per le donne, avete anche perso una occasione (rivolto a tutti) di eleggere una donna in provincia, che manca, o non ve ne siete accorti? I maschietti, come al solito, si arraffano tutto, gestiscono tutto, e così sia, altro che chiacchiere morte della parità di genere, sono sempre chiacchiere morte, per il centro destra in particolare, ma anche per il centro sinistra. Per il centro destra, una donna lo aveva candidato, ma ha preso “ZERO” voti, nemmeno il suo ha preso (se ci è andata a votare). Poteva essere anche questo una differenza da dimostrare, ma nel centro destra, sicuramente non alberga. Vero Assessore Giuliani? Ma cosa ci fa ancora in quella Giunta, mi domando e domando ancora.  Non saprei più come giustificarti. E’ il segno dei tempi, purtroppo tutto ciò che avviene.

Cari politici atriani, partiti di Atri, datevi da fare, che Atri, è quasi al di sotto dei 10.000 ab, anzi, togliendo le badanti e lavoratori stagionali immigrati, sicuramente, siamo al di sotto già da qualche anno. Ed a nessuno frega nulla di tutto questo. Ovviamente anche alla “classe media atriana”, quella che dovrebbe fare la differenza in una comunità, anche per loro va tutto bene così. Ripeto, per me, no, non mi va bene e continuo a dire la mia, poi, se si continua così, nel 2023, la famosa “MATITA”, continuerà a fare danni irreparabili. Compreso? No, non credo di essere stato compreso.

Marino Spada

Direttore Responsabile e Fondatore del Giornale " la Voce del Cerrano"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: