Atri, la denuncia della consigliera Ilaria De Lauretis (M5S) contro la lapide fascista in Comune

Mentre il Paese, in un momento molto delicato della sua storia, cerca di riaffermare i valori antifascisti della nostra Costituzione,  scrivono la Consigliera Comunale Ilaria De Lauretis e l’onorevole Valentina Corneli del Movimento Cinque Stella, una lapide che ci ricorda quei tempi bui, la cui apposizione fu imposta da Mussolini a ricordo delle sanzioni economiche applicate all’Italia dalla Società delle Nazioni dopo la conquista dell’Etiopia, è stata restaurata e disposta, su volontà del Sindaco e della Giunta comunale di Atri, sul muro della chiostra del palazzo della Città. Siamo sconcertati. La rievocazione suona come l’ennesima beffa ed offesa alla memoria delle vittime della persecuzione e all’intero Paese la cui Costituzione – ricordiamo all’Amministrazione – risulta essere di stampo democratico e pluralista. Pertanto, mentre attendiamo una risposta pubblica del Sindaco, lo invitiamo a rimuovere immediatamente la targa che ha già causato sufficiente malessere e inquietudine ai cittadini atriani.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: