Operaio di giorno, spacciatore di notte: arrestato cittadino albanese residente a Nereto

È finito ai domiciliari il cittadino albanese C.A. classe 93, da anni residente a Nereto, che nella scorsa
nottata è stato tratto in arresto dal personale del Nucleo Investigativo di Teramo per detenzione ai fini
di spaccio di sostanza stupefacente.
Gli uomini dell’Arma, impiegati nei servizi estivi di prevenzione sul territorio della provincia,
avevano notato una fiat punto sul lungomare di Alba Adriatica che, sin dalla tarda serata del 20, si
aggirava frenetica avanti ed indietro senza sosta tra i vicoli della città per poi passare sul lungomare
e ripetere per decine di volte lo stesso percorso. Troppo anomalo il movimento, nonostante la serata
affollata di fine estate sul lungomare di Alba Adriatica, per passare inosservato agli occhi dei
carabinieri.
Insospettiti da tale atteggiamento perciò, gli uomini della Benemerita hanno quindi deciso,
all’ennesimo passaggio della vettura, attorno alla mezzanotte, di fermare il mezzo.
Sorpreso dal controllo dei militari in borghese ed in evidente stato di agitazione, il giovane di 28 anni
si è barricato in macchina rifiutandosi di uscire e, solo quando ha capito che non poteva più fare nulla,
si è arreso ed è sceso dalla vettura cercando di giustificarsi, asserendo di non aver compreso che si
trattasse di un controllo dei carabinieri.
Lo stato di elevata agitazione del giovane e le continue richieste di andare via celermente dal luogo
del controllo hanno fatto scattare la perquisizione sul posto che permetteva di recuperare 3.000 euro
in contanti in banconote di diverso taglio e 4 dosi di cocaina. Alla luce del positivo riscontro quindi,
i militari si sono recati presso l’abitazione di Nereto del ragazzo dove, poco dopo, a seguito della
perquisizione domiciliare, hanno recuperato ulteriori 46 dosi di cocaina, con pesi e confezionamento
diversificato, per un totale di 60 grammi di sostanza stupefacente.
Il giovane quindi è stato condotto in caserma per la redazione degli atti del caso e contestualmente è
stato tratto in arresto, venendo poi condotto presso la propria abitazione di Nereto in regime di
detenzione domiciliare in attesa della direttissima prevista nella mattinata odierna.
L’albanese, da oltre 15 anni in Italia con regolare permesso di soggiorno, celibe e con piccoli
precedenti di polizia, si è giustificato con i Carabinieri affermando che il lavoro di operaio svolto per
una ditta di Corropoli, con gli alti e bassi degli ultimi due anni dovuti alla pandemia, lo avevano
indotto a dedicarsi ad una attività più remunerativa che gli consentisse di sbarcare il lunario in maniera più agevole

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: