Discarica di Santa Lucia, l’ex Commissaria ricorre al Tar. Il 21 Ottobre l’udienza

Sembrava fatta, invece si ricomincia tutto da capo. Parliamo della battaglia sulla discarica di Santa Lucia di Atri, dove, dopo la bocciatura da parte degli uffici del VIA (Valutazione Impatto Ambientale) della Regione Abruzzo sulla proposta avanzata dal Consorzio Piomba Fino, a suo tempo guidata dal commissario Laura D’Alessandro, successivamente estromessa dal ruolo e la nomina del successore Nico Carusi, quota Lega, arriva come un fulmine a ciel sereno la sospensiva del TAR(Tribunale Amministrativo Regionale) che rimette tutto in gioco. L’avvicendamento tra i due commissari è durato poco più di venti giorni, dopo i quali è intervenuto il decreto del Tribunale amministrativo( 18/09/2020)  che ha sostanzialmente ripristinato nel suo ruolo la D’Alessandro. La quale non solo si è spesa per l’annullamento della decisione del Presidente Marco Marsilio, ma, insiste per portare a termine il suo programma, non condiviso dalle forze politiche e dalle associazioni locali, per l’allargamento della discarica. Sul tema l’assessore all’ambiente del Comune di Atri, Mimma Centorame (Fdi) aveva imbastito una dura battaglia contro la D’Alessandro, con il sostegno anche di alcuni consiglieri regionali della Lega, come Emiliano Di Matteo, affinchè l’architetto facesse un passo indietro e si arrivasse ad una discussione sul futuro del sito della frazione di Atri. Ora, dopo il provvedimento del Tar, che fissa la decisione collegiale sul ricorso della D’Alessandro al 21 Ottobre prossimo, il Pd della sezione locale della città Ducale, con una nota a firma del segretario Alfonso Prosperi  fa sapere che la Centorame “ credeva di aver ottenuto la farsesca “rimozione “del Commissario del Consorzio Piomba-Fino, e di aver risolto la questione, ma non sapeva della esistenza  della famosa “finta” per gli allocchi e, solo ora, si accorge che bisogna modificare, da parte della Regione, il “Piano Rifiuti.  Rivolgendosi  al primo cittadino Piergiorgio Ferretti, la nota del Pd continua accusandolo di “ inconsapevolezza nell’aver approvato il Bilancio di Previsione 2016 n. 07 del Consorzio in data 30.10.2015 che conteneva, guarda caso, l’ampliamento della discarica”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: