Cardinale Cicada, ecco tutti i documenti che confermano l’agibilità della Scuola. Ferretti: solo una grande invidia verso questa amministrazione dall’opposizione

E’ arrivato puntuale come un orologio svizzero alle 12.00 in punto nel suo ufficio di Palazzo Acquaviva, dove aveva convocato la conferenza stampa, con una serie di faldoni tra le mani e lo sguardo immancabile del professore pronto a diventare alunno e controbattere alle domande dei giornalisti radunati per l’occasione dal primo cittadino Piergiorgio Ferretti. Il tema dell’incontro con la stampa era quello del “Palazzo Cicada” resuscitato a nuova vita dal Sindaco/professore dal 16 Settembre come Scuola destinata a oltre 200 ragazzi del Liceo Sportivo  e decine di insegnanti e impiegati, sul quale si è scatenata una polemica infuocata a mezzo stampa con l’opposizione che lo accusa di mettere a repentaglio la vita degli studenti in quanto quel palazzo non ha l’agibilità né alcun documento in grado di garantire la sicurezza degli alunni. Nel documento delle minoranze veniva scritto qualche giorno fa: “sappiamo che il palazzo Cardinale Cicada era sprovvisto del certificato di agibilità, ragion per cui in passato il Sindaco di Atri non ha potuto cederlo in uso ad associazioni di vario genere” Ed ecco allora sulla scrivania, dispiegate come “forze armate” al suo fianco, le carte che inchiodano le opposizioni, con tanto di certificato di agibilità, rilasciato lo scorso 16 Settembre dall’Ing. Domenico Graziosi della Provincia di Teramo, il quale, afferma il Sindaco, “non ha fatto un giorno di ferie, come me del resto, per essere presente sul cantiere ogni giorno e seguire passo dopo passo i lavori del Cicada e al quale voglio tributare un particolare ringraziamento”. Esistono tutte le carte per  aprire il nuovo plesso scolastico- aggiunge Ferretti- e mentre loro scrivevano io lavoravo per arrivare al 16 Settembre, giorno di riapertura delle scuole,  senza alcun giorno di ritardo, contrariamente a quanto fecero gli amici di Basilico in Provincia, tra cui la Vice Presidente Barbara Ferretti,  che fecero ritardare di due settimane l’inizio della scuola ai ragazzi e che portarono cinque classi  nella palazzina degli uffici Asl, questi sì senza un corridoio, senza una scala di sicurezza, con un solo bagno per 100 ragazzi e insegnanti, senza alcuna certificazione antisismica”. La verità è una sola, aggiunge Ferretti- dietro questa pretestuosa e inutile polemica, c’è solo una grande invidia per questa amministrazione che passerà alla storia per aver riaperto un palazzo storico in pieno centro e senza pari, per dimensioni e qualità dei servizi erogati, cosa che non sono riusciti a fare loro, decentrando tutto nel Polo Scolastico lontano dal centro cittadino.  E’ un Sindaco toccato nelle corde quello che appare visibilmente provato alla fine della conferenza stampa, ma come l’alunno che ha superato l’esame, almeno quello con gli interroganti, sa che il responso, oggi demandato ai cittadini, ai genitori e agli alunni , sarà positivo perché sa di avercela messa tutta.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: