“Il nulla osta del Comune di Atri ? Era un atto senza il quale non avrei potuto nemmeno partecipare al concorso per il ruolo di Comandante dei Vigili Urbani a Roseto. No ho ancora deciso se e quando andare a dirigere il Corpo della Polizia Urbana e le notizie apparse sui giornali di oggi secondo cui prenderei servizio ad Ottobre non rispondono ad alcuna verità. Ho solo detto a chi mi chiedeva se ero interessato all’incarico che nutro ancora lo stesso interesse per il quale ho partecipato al concorso.” Risponde determinato il Comandante della Polizia Urbana Alfonso Osmi quando gli chiedo se  ha fatto le valige e assicura che nessuna decisione al riguardo è stata presa. C’è chi lo vuole fermamente ancora alla guida della Polizia Urbana di Atri, e sono davvero tanti, specie nella gente comune , e chi invece da qualche parte, anche all’interno degli uffici comunali, lo vorrebbe verso la città delle rose. La sua è una posizione delicata, è un dirigente di un servizio importante, ma con pochi, anzi pochissimi mezzi e personale, senza strumenti operativi. Gli sono stati estromessi servizi di natura tecnica per lo svolgimento del compito istituzionale. La segnaletica stradale, verticale e orizzontale è passata dal suo ufficio a quello tecnico. Chi meglio della Polizia Urbana conosce la situazione delle strade e delle esigenze per parcheggi e pedoni? Non a caso la condizione in cui versa la segnaletica è a dir poco pietosa. Ammesso che vada a Roseto, pensate che il suo posto diverrà appetibile per qualcun’altro, con tre autovetture messe malissimo, pochi vigili e alcuni in pensione a ottobre, nessun azione autonoma e coordinamento, senza alcun impiegato in ufficio la cui apertura al pubblico oggi è garantita dallo stesso comandante. Insomma, se va via Osmi, bisogna trovare un eroe che verrà  ad Atri, salvo improvviso cambio di rotta da parte dell’amministrazione comunale che oggi come allora, almeno d dieci anni a questa parte, non ha mai investito nulla per far crescere la Polizia Municipale. Ricordiamoci che un vigile, chiunque esso sia, rappresenta la città e i suoi abitanti, è un biglietto da visita. Quando è presentabile!

Annunci