Atri, oltre mezzo milione di euro l’evasione della Tassa dei Rifiuti del 2016. In arrivo 658 cartelle di accertamento

Ammonta a oltre mezzo milione di euro l’evasione della tassa sui rifiuti, nota come TARI,  nel comune di Atri relativamente all’anno 2016. E’ quanto ha stabilito l’ufficio competente in materia di riscossione dei tributi locali, che ha inviato o sta inviando 658 avvisi di accertamento per un totale di Euro 536.689,67 , di cui sanzioni per 122.522,81 e 5.757,50 di spese per le notifiche.  Il provvedimento è stato adottato poco prima delle feste natalizie, ovvero il 20 Dicembre 2018, e la possibilità di recuperare, anche con l’ausilio dell’agente della riscossione tali somme, è piuttosto difficile, se non altro perché la maggior parte degli evasori si trova in condizione di non poter onorare il tributo scaduto. E’ chiaro, fa sapere un cittadino, che molti sono evasori veri e propri, coloro che non pagano anche potendo adempiere, ma ci sono, aggiunge , anche persone in difficoltà come chi vi parla.  A tale riguarda occorre ricordare che è possibile chiedere una dilazione e rateizzazione del pagamento delle somme dovute presentando istanza all’ufficio Tributi del Comune di Atri.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: