Silvi, il comune valuta la creazione di nuove rotonde, una per il biviodi Santo Stefano e l’ex Silvanella

Il problema sollevato da alcuni gruppi di cittadini sulla opportunità di creare almeno altre due rotonde sulla SS.16, uno all’altezza dell’ex bivio di S. Stefano/via S. Antonio e l’altro in prossimità del sottopasso Palestini e strada ex Silvanella, è oggetto di analisi tecniche degli uffici comunali e di valutazioni politiche per accertarne la reale fattibilità. A differenza di quanto accade a Pineto, infatti, a Silvi la SS. 16 lungo tutto il percorso cittadino, dove ha assunto il nome di via Roma, non ha spazi sufficienti neppure per semplici ampliamenti, o realizzazione di rotonde, perchè consentire il traffico di mezzi importanti come grandi TIR e BUS, richiede aree di rilevante larghezza. “Stiamo lavorando – ha detto il sindaco Andrea Scordella – per dotare il Comune di un Piano di viabilità e mobilità che comprenda l’intero territorio comunale. In questa fase preliminare daremo voce a tutte le organizzazioni spontanee di cittadini, ai comitati civici e di quartiere e alle forze politiche ed economiche per farci un quadro, il più ampio possibile, della situazione e delle aspettative dei cittadini. Partiamo da un dato di fatto: Silvi non si è mai dotato di uno strumento serio capace di fornire una visione generale completa della situazione viaria e le amministrazioni che si sono succedute, sono state costrette a procedere intervenendo in settori diversi della città solo a seguito di sollecitazioni di cittadini o di situazioni critiche che, di volta in volta, richiedevano l’adozione di provvedimenti urgenti. Adesso vogliamo eliminare la consuetudine degli estemporanei interventi a macchia di leopardo per dare spazio alla pianificazione territoriale nella sua più logica e scientifica accezione. Ci vorrà un po’ di tempo, ma siamo disposti a pazientare pur di arrivare all’obiettivo prefisso”.

Il Comune di Silvi, nel frattempo, grazie alla certosina azione dell’assessore ai Lavori Pubblici Pamela Giancola,  ha riallacciato con successo i rapporti con l’Amministrazione Provinciale di Teramo e con l’ANAS. “I primi concreti frutti – ha detto Pamela Giancola – sono sotto gli occhi di tutti.  La SP 29, nella parte che collega Silvi Paese con Piane Maglierici è tornata ad essere completamente fruibile dopo i lavori di ripristino e consolidamento resisi necessari a seguito di smottamenti e frane che ne avevano ridotto la percorribilità. La Provincia ha anche assicurato il suo impegno a destinare dei fondi per continuare l’opera di manutenzione ordinaria e straordinaria dei tratti di strada di sua competenza compresi nella nostra rete viaria. L’ANAS, da parte sua – ha annunciato l’assessore Giancola –  dopo aver completato i primi urgenti interventi sulla SS 553 per Atri ha già confermato la disponibilità a controllare, ripristinare e mettere in sicurezza i canali e le condotte che raccolgono le acque meteoriche e quelle derivanti dalle numerose sorgenti che dalla collina arrivano fino al mare. Il primo intervento in tal senso è stato, peraltro, già realizzato con la pulizia e la messa in  piena funzionalità di una condotta di un metro di diametro che raccoglie una buona parte delle acque della collina”. All’attenzione del sindaco, dell’assessorato ai Lavori Pubblici di Silvi e dei tecnici ANAS c’è anche uno studio di verifica della fattibilità di una rotonda che consenta un collegamento tra la SS.553 per Atri e la strada che sale verso l’agglomerato urbano di S. Stefano, approssimativamente all’altezza della nuova farmacia. Tale rotonda avrà anche il compito di migliorare le condizioni di sicurezza per chi sale o scende da Atri per immettersi sulla SS.16 in un tratto dove solitamente si raggiunge la grande velocità con i rischi che questa comporta.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: