Giunta, ore decisive per la formazione della squadra. Ferretti in “ritiro” a comporre le caselle.

E ‘ancora presto per disegnare la squadra di Governo comunale che affiancherà il neo eletto Sindaco Piergiorgio Ferretti, il quale, come dichiarato ad un giornale si “è concesso qualche giorno di riposo dopo una campagna elettorale faticosa e lunga“. Conoscendo il soggetto, dubito che tale affermazione risponda a verità, mentre invece credo che si sia ritirato in qualche posto isolato dalla città ducale dove, senza telefono e disturbi di sorta, sta mettendo nero su bianco la sua squadra. Opera difficile, forse ancora più complicata rispetto a quello che faceva a Settembre, quando riaprivano le scuole e doveva programmare gli orari, i rispettivi insegnanti e far quadrare i conti con le classi .  Ora da Sindaco e capo dell’amministrazione comunale, dovrà conciliare le aspettative degli eletti, dei voti presi, e degli assessorati, non più di cinque come previsto dalla legge. Ma andiamo per ordine. Il primo problema è quello ” rosa”. Si tratta di donne elette a tre cifre, come Alessandra Giuliani con 438 preferenze, la terza  in ordine di risultati. Poi c’è la neo eletta Mimma Centorame di Casoli di Atri con 422 voti e quindi Alessia Faiazza, assessora uscente al bilancio e finanze con 345 preferenze, seguita da Giada Pelusi che ha espugnato San Giacomo con 206 preferenze e Cristina Forcella con 190. Il nodo principale è mettere d’accordo tutte, sia quelle delle frazioni, per una corretta rappresentanza in Giunta che quelle di Atri Capoluogo per numero di consensi. L’ipotesi più accreditata che va prendendo piede in queste ore è quella di una conferma alle finanze e bilancio della Faiazza, mentre per la Giuliani si profilerebbe il sociale o la presidenza dell’Assemblea. La Centorame potrebbe aspirare ad un assessorato di “peso”, anche se deve fare i conti con il suo conterraneo Felicione, al quale andrebbe la cultura, turismo e il Vice Sindaco. All’ex primo cittadino Gabriele Astolfi spetterebbe per certo i lavori pubblici e qualche altra delega. Non trascurabile inoltre la posizione del rieletto Francesco Filiani, in quota Fratelli d’Italia, pronta a rivendicare una delega. Scenario che potrebbe modificarsi da un momento all’altro, proprio per la quantità di nomi e di aspirazioni. E Ferretti si è portato con sè penna, penna rossa e cancelletto, sperando di non dover rinviare nessuno a Settembre. Pardon, ad Ottobre, data delle elezioni regionali, appuntamento nel quale potrebbe esserci di nuovo un tassello da ricoprire se Astolfi riuscisse a guadagnare la strada verso il capoluogo abruzzese.009

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: