“La nostra associazione che fa riferimento alla maggioranza degli esercizi commerciali e strutture turistiche ubicate in via D’Annunzio, non si riconosce in Fiva e Anva Confesercenti. Che rappresentano esclusivamente la categoria degli ambulanti.” E’ quanto  dichiara Paolo Prosperi, Presidente dell’Associazione Commercio e Turismo di Pineto. Il Presidente aggiunge inoltre:  le attività locali a posto fisso sono state seriamente danneggiate dall’ubicazione dell’attuale sede del mercato ambulante . le nostre attività commerciali che storicamente rappresentano il cuore del centro hanno subito un forte decremento commerciale con famiglie della nostra città costrette a chiudere attività che davano sostentamento e lavoro all’ ‘economia di Pineto. I disagi arrecati sono innumerevoli,  uno su tutti il divieto di transito ai pullman con fermate sulla SS16. che sia in inverno sia in piena stagione turistica costringe utenti locali e turisti a vere maratone per l’attraversamento della strada statale con notevoli rischi per l’incolumità delle persone.

Anche le centinaia di famiglie, prosegue Prosperi,  residenti in piazza della libertà e via D’Annunzio (direttamente interessate alla problematica) hanno espresso contrarietà al mercato in centro. La giornata del sabato mattina è importante per gli operatori turistici, in quanto destinataria di ricambio e accoglienza turistica.

Circa trent’anni fa l’allora amministrazione comunale decise di spostare il mercato ambulante in un’area che non fosse d’intralcio alle attività locali e ai cittadini residenti, oggi stiamo assistendo a un’incredibile forzatura da parte degli ambulanti che prevarica l’interesse sia dei residenti sia dell’economia locale. Il Presidente Paolo Prosepri, conclude dicendo di voler MERCATO PINETO sperare nella forza e nel buon senso delle istituzioni politiche che rappresentano Pineto per far si che gli interessi della nostra comunità vengano tutelati.

 

Annunci