Carissimi, oppositori in particolare, che nulla vedete e nulla conoscete, ai candidati Sindaci del prossimo 10 Giugno, al Comitato dei genitori per la Sicurezza degli edifici scolastici di Atri, NON SO, se per caso avete letto il contenuto della delibera di GM n° 77 dell’ 11-4-2018, che va a REVOCARE un’altra, di GM, la n° 240 del 21-11-2016, che al suo interno si va a leggere, al 2° capoverso del dispositivo, di: “REVOCARE UTILIZZO RESIDUI DI MUTUI CONCESSI DALLA CASSA DD.PP DA DESTINARE AL FINANZIAMENTO DEI LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO DELLA SCUOLA MEDIA A. MAMBELLI DI ATRI CAPOLUOGO”.

E per farne cosa?  Guardate, si legge, togliendo soldi per risanare una SCUOLA che ha un basso indice di rischio sismico, e dopo 2 anni, rimasti inutilizzati, allo scopo, come era invece necessario, ed urgentemente anche, anche, accompagnato da altri fondi da finanziare allo scopo. Cioè: fare un progetto preliminare, esecutivo e richiedere ulteriori mutui per affrontare il problema della Scuola Media, invece che lasciarla così, anzi distogliendo residui di mutui, per affrontare, come è espressamente scritto nella premessa, problemi esistenti nella scuola, che ricordo essere di competenza  del Comune di Atri, non della Provincia o dello Stato, caso mai, dallo Stato, o Regione, richiedere compartecipazione per eliminare il rischio sismico, così come avvenuto per la Scuola Elementare, non credete? Invece  di cercare altri fondi, dove si vanno a destinare questi sottratti al progetto? Lo si va a “DESTINARE”, guardate un poco (almeno così si legge nella premessa della delibera in essere), a finanziare, con i residui, di mutui suddetti,dalla precedente destinazione per:

– opere di urbanizzazione primaria in c.da COLLOTTI;

– opere di urbanizzazione primaria per strade Comunale di Atri e frazioni.

Questa delibera di Giunta Municipale è stata anche VOTATA dal futuro candidato Sindaco Ferretti, nonché Assessore attuale alla Pubblica Istruzione, nonché diretto interessato alla sicurezza da dare a bambini e genitori, e direi anche ai nonni. In particolare in quella scuola Media, che è la più fragile da un punto di vista della sicurezza sismica di tutta la Provincia teramana.

Insomma, cari miei, oltre alla Scuola Elementare, e suoi già conosciuti problemi, c’è anche quella della Scuola Media A. Mambelli, i cui fondi, non volutamente utilizzati dal 2016, vengono dirottati con questa delibera, per fare OOPP a sfondo clientelare e soprattutto  in fase elettorale, come strade ed altro, che seguono poi, i famosi Punti luce installati in modo non  necessario, ed in ogni dove nel territorio, e quant’altro utile allo scopo per il voto al candidato Sindaco Ferretti. A voi, carissimi, le giuste valutazioni del caso (PD, si svegli!!!)MARIO MARCHESE

Annunci