Sanità, la CGIL sul bando regionale delle cure domiciliari : non abbiamo partecipato al tavolo delle decisioni e non conosciamo i contenuti

Sanità, la CGIL sul bando regionale delle cure domiciliari : non abbiamo partecipato al tavolo delle decisioni e non conosciamo i contenuti

Apprendiamo dalla stampa locale dell’indizione della gara europea per l’affidamento del servizio di cure domiciliari per i pazienti residenti della Regione Abruzzo.

Diversamente da quanto descritto nell’articolo corre l’obbligo di precisare che queste Organizzazioni sindacali non hanno partecipato ad alcuna “fase di ascolto” e pertanto non conoscono i contenuti di interesse sindacale e di merito.

Corre l’obbligo ancora una volta di sottolineare come la Regione Abruzzo, in questo caso l’Assessore alla Salute, non rispetta gli impegni assunti in merito alla interlocuzione con le rappresentanze sindacali a partire dal Tavolo permanente regionale della salute.

E quanto detto nonostante la predetta procedura sia di enorme rilievo sia in termini di investimenti di risorse pubbliche che in termini occupazionali essendo coinvolti centinaia di operatori con diverse qualifiche professionali.

Sarebbe stato invece fondamentale fornire, prima della pubblicazione della gara, alle rappresentanze sindacali le informazioni dovute.

Va sottolineato inoltre che non si intravede nessuna novità in merito alle tanto decantate internalizzazioni anche in relazione alle evoluzioni del modello di assistenza territoriale socio-sanitaria con la futura apertura delle case della salute di cui le scriventi, al pari dei cittadini abruzzesi, non conoscono a oggi alcunché.

Per le ragioni brevemente descritte in data odierna abbiamo trasmesso all’Assessore alla Salute Verì ed al Soggetto aggregatore della Regione Abruzzo ARIC una richiesta urgente per l’apertura di un tavolo di confronto in merito all’affidamento dei servizi di cura domiciliare per la verifica delle condizioni a garanzia dei livelli occupazionali, della qualità del lavoro e dei servizi offerti alla cittadinanza.

Siamo fortemente preoccupati che a seguito di questa gara aumenti la precarizzazione dei rapporti di lavoro in un settore, quello socio-sanitario, nel quale già proliferano i contratti temporanei.

Oltre ciò siamo perplessi dal fatto che i criteri ed i relativi punteggi, individuati per la scelta dei contraenti, garantiscano effettivamente servizi socio-sanitari di qualità.

Marino Spada

Direttore Responsabile e Fondatore del Giornale " la Voce del Cerrano"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: